Finalmente dopo anni di attesa, il Bonus per gli animali domestici 2022 è stato approvato! Sarà possibile richiederlo a partire dal prossimo anno e i criteri sono molto semplici. In questo articolo ti spiegheremo tutto quello che c'è da sapere sul Bonus animali domestici 2022!

Il Bonus animali domestici è un'iniziativa nazionale introdotta per la prima volta nel 2016. L'obiettivo del Bonus animali domestici è quello di incoraggiare la proprietà responsabile di un animale domestico e di aiutare a compensare i costi di cura di un animale domestico. Il Bonus animali domestici consente ai proprietari idonei di richiedere un rimborso fino al 50% delle spese veterinarie annuali, fino a un massimo di 500 euro all'anno.

Il Bonus Animali domestici è stato inizialmente introdotto come misura di un anno per il 2022, ma c'è una forte possibilità che venga rinnovato per il 2023.

A chi è diretta l'agevolazione per gli animali domestici

Per avere diritto al Bonus animali domestici, si deve essere residenti in Italia e il proprio animale domestico registrato presso lo stesso Comune di residenza. Dovrete inoltre fornire la prova del pagamento delle spese veterinarie per le quali intendete richiedere il rimborso.

Il Bonus per animali domestici non è sottoposto a controlli di tipo economico, quindi chiunque può richiederlo, indipendentemente dal livello di reddito. Tuttavia, ci sono alcune restrizioni su quali siano gli animali domestici che possono beneficiare di questa agevolazione.

Il Bonus animali domestici è disponibile per gatti, cani e conigli sterilizzati o castrati. È disponibile anche per altri animali domestici, come porcellini d'India, criceti e gerbilli, se sono stati microchippati.

Il Bonus animali domestici non può essere utilizzato per rimborsare il costo di cibo, giocattoli o altre spese relative agli animali domestici. Inoltre, non è disponibile per gli animali utilizzati per scopi commerciali, come l'allevamento o le corse.

Come richiedere il Bonus Animali domestici

puppy g40fcdaa3f 1280

Il processo di richiesta del Bonus animali domestici è molto semplice. Innanzitutto, dovrete raccogliere tutta la documentazione necessaria, tra cui il certificato di residenza, la prova di pagamento delle spese veterinarie e una copia del certificato di registrazione dell'animale domestico.

Una volta ottenuta tutta la documentazione richiesta, si può presentare la domanda al Comune di residenza che esaminerà la domanda ed emetterà una decisione entro 30 giorni. Se la domanda viene approvata, riceverete un assegno di rimborso dal Comune entro 60 giorni.

Quali sono le spese veterinarie più costose?

Le procedure veterinarie più comuni e costose per le quali i proprietari di animali domestici possono richiedere il rimborso nell'ambito del Bonus Animali domestici sono le vaccinazioni, l'intervento di sterilizzazione o castrazione e la microchippatura.

Le vaccinazioni sono una parte essenziale dell'assistenza sanitaria preventiva per gli animali domestici e sono generalmente richieste dalla legge in Italia. Il costo delle vaccinazioni può variare a seconda del tipo di vaccino e dell'età e del peso dell'animale, ma in genere si aggira tra i 30 e i 50 euro all'anno.

L'intervento di sterilizzazione o castrazione è un'altra procedura veterinaria comune e costosa, spesso anche questa richiesta dalla legge italiana. Anche il costo di questo intervento può variare a seconda dell'età e del peso dell'animale, ma in genere si aggira tra i 150 e i 250 euro.

La microchippatura è un requisito relativamente nuovo in Italia ma è già obbligatorio per tutti i cani, i gatti e i conigli. Il costo della microchippatura di un animale domestico è generalmente compreso tra 30 e 50 euro.

Il Bonus Animali domestici è un ottimo modo per compensare il costo delle cure veterinarie per il vostro amato animale domestico. Se pensate di avere diritto al Bonus animali domestici, potete contattare il Comune o l'ufficio veterinario locale per maggiori informazioni.